Toyota studia la risposta umana ai sistemi di assistenza alla guida

assistenza, il lavaggista, lavaggisti

La casa automobilistica giapponese avvia programma di ricerca da 35 milioni di dollari sull’accettazione sociale dei sistemi di assistenza alla guida.

 

A fine dicembre il centro CSRC (Collaborative Safety Research Center) di Toyota ha annunciato cinque nuovi progetti di ricerca che hanno come oggetto il modo in cui gli automobilisti comprendono e utilizzano le tecnologie proposte dalle case automobilistiche, tra cui i sistemi avanzati di assistenza alla guida (advanced driver assistance systems, o ADAS).

I cinque progetti faranno capo al programma CSRC Next, lanciato lo scorso maggio 2017 con una dotazione di 35 milioni di dollari e la missione di mettere a frutto i risultati di cinque anni di studi condotti dal centro  CSRC sulle tecnologie avanzate per l’automobile.

 

Il programma CSRC Next supporta inoltre le ricerche effettuate presso il Toyota Research Institute (TRI) e Toyota Connected (TC) volti ad accelerare lo sviluppo di tecnologie di guida automatizzate e connesse, oltre che dei relativi servizi.

“Lo sviluppo delle tecnologie avanzate potrebbe progredire più rapidamente rispetto alla capacità delle persone di comprendere la loro funzione, ed è quindi importante capire il modo in cui gli automobilisti effettivamente comprendono e utilizzano questi sistemi emergenti,” ha affermato Chuck Gulash, responsabile del centro CSRC. “Lavorando con le istituzioni partner, e condividendo i risultati con l’industria automobilistica, i governi, le ONG e la comunità tecnologica, siamo convinti di poter aiutare l’accettazione sociale di queste nuove e promettenti tecnologie”.

 

I progetti saranno realizzati in partnership con cinque istituzioni di ricerca degli Stati Uniti: la George Mason University, il Rockville Institute, la University of Washington, la University of Michigan Transportation Research Institute e la San Francisco State University. Quattro dei cinque progetti avranno come oggetto l’accettazione sociale e l’uso di queste tecnologie.

 

Ecco i titoli dei cinque progetti “milionari”:

  • “Una valutazione neuroergonomica dello sviluppo del modello mentale delle tecnologie di guida automatizzata del futuro “
  • “Valutazione naturalistica dello sviluppo del modello mentale delle tecnologie di guida automatizzata del futuro “
  • “Efficacia dei metodi di formazione di breve e lungo termine per ottimizzare la mitigazione dei rischi e le abilità di guida associate alla sicurezza “
  • “Linee guida per lo sviluppo di misure contro la guida rischiosa basate su prove concrete”
  • “Stimoli e comportamenti efficaci per la sicurezza nella guida automatizzata”

 

 

Fonte: Toyota, fenderbender.com

Photo credit: dailydot.com

 

 

 

scroll to top