Come ti scovo il ladro con facebook

ladro, il lavaggista, lavaggisti

Gli autolavaggi sono sempre una preda ambita dai malviventi, che però di rado vengono individuati. L’idea di una lavaggista di Brindisi: mettere le foto del ladro su facebook.

 

Le foto del ladro diventano social

Il 19 settembre, a Brindisi, un uomo ha svaligiato l’accettatore di una stazione di servizio con autolavaggio. Le telecamere di sorveglianza hanno filmato il ladro mentre, con un cacciavite, forza la cassetta dell’accettatore e ne ruba i pochi soldi contenuti all’interno.

La titolare dell’attività, Stefania Petrosillo, ha deciso non soltanto di denunciare il furto ma anche di pubblicare sul suo profilo facebook alcuni fermo immagine dell’uomo intento a scassinare l’accettatore.

A volte infatti accade che i post diventino virali e, attraverso le condivisioni, può succedere che qualcuno riconosca il ladro di turno e lo denunci.

Dunque non solo “Chi l’ha visto?” ma anche ”Chi lo riconosce?”

 

 

A volte se ne vanno a mani vuote

La prima settimana di ottobre invece non è stata proficua per i malintenzionati in due autolavaggi, rispettivamente in Liguria e Puglia.

Nel primo caso, intorno alle 23 dell’11 ottobre a La Spezia, mentre un ladro cercava di forzare una finestra di un autolavaggio è scattato l’allarme collegato con un istituto di vigilanza. Quest’ultimo ha allertato la pattuglia in servizio nella zona che, tempestivamente, ha raggiunto il posto e sventato il furto. Nulla infatti è stato asportato e l’unico danno è relativo alla forzatura della finestra.

Qualche giorno prima, invece, le telecamere di videosorveglianza di un autolavaggio alla periferia di Trinitapoli (BT) hanno ripreso un ragazzo col volto coperto da una cappuccio azzurro mentre  tentava di scassinare la porta d’ingresso dell’attività. Il giovane, probabilmente un ladro inesperto, è sì riuscito a forzare e ad aprire la porta dell’autolavaggio ma ha fatto anche scattare l’allarme che lo ha costretto alla fuga prima che riuscisse ad impossessarsi di qualcosa.

 

Fonte: cittadellaspezia.com, gazzettadellaspezia.it, news24.city, brindisioggi.it

Photo credit: Stefania Petrosillo

 

 

scroll to top