Racket in azione a Lamezia?

autolavaggio

Incendiato un autolavaggio nella cittadina calabrese con le tipiche modalità della criminalità organizzata. A Reggio Emilia recuperate attrezzature per autolavaggi rubate

La polizia del Commissariato di Lamezia Terme sta indagando su un fatto avvenuto il 25 settembre e che riporta l’ombra del racket sulle attività della cittadina in provincia di Catanzaro.
Un incendio, infatti, ha danneggiato un impianto di autolavaggio ed il tutto è stato ripreso dalle immagini delle telecamere di sicurezza che hanno evidenziato come le fiamme siano state appiccate da due giovani giunti sul posto a bordo di uno scooter.
I danni sono ingenti ed ammonterebbero a circa 100mila euro, considerato che sono stati danneggiati sia l’impianto di autolavaggio che la tettoia di copertura, situati nelle vicinanze di un distributore di carburanti.

Anche le attrezzature per autolavaggi nel mirino dei ladri
Ci sono anche delle attrezzature per autolavaggio tra la refurtiva del valore complessivo di circa 100.000 euro recuperata la sera di domenica 25 settembre dai Carabinieri della stazione di Sant’Ilario (Reggio Emilia).
Le forze dell’ordine ritengono che ad agire sia una banda specializzata nei furti in aziende agricole, cantieri edili ed officine meccaniche che, però, in mancanza d’altro, non disdegna il materiale e le strumentazioni in uso negli impianti di lavaggio degli autoveicoli.
Il rinvenimento della refurtiva è avvenuto quando una pattuglia dei carabinieri della stazione di Sant’Ilario, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, ha ispezionato una serie di casolari abbandonati che sono sempre più utilizzati dalla malavita come deposito dove stoccare la merce rubata in attesa di essere piazzata.
Le indagini, coordinate dalla Procura reggiana, ora mirano a stabilire l’esatta provenienza della refurtiva e a risalire ai responsabili dei numerosi colpi messi a segno in quest’ultimo periodo, anche grazie alle impronte digitali che sono state rilevate ed inviate al RIS di Parma.

Fonte: Il quotidiano del Sud, Reggio Sera
Photo credit 

scroll to top