Mobilità sostenibile, bene quella condivisa

condivisa, il lavaggista, lavaggisti

Cresce l’attenzione verso la mobilità condivisa, ma aumenta anche il numero dei disservizi: +10% relativamente al car sharing e +4% sul fronte del car pooling.

 

Ricchi di indicazioni i risultati emersi dalla terza edizione della consultazione civica di Cittadinanzattiva in tema di mobilità sostenibile, realizzata su un campione di 2.183 persone. Riguardo alla mobilità condivisa, il 97% ha sentito parlate di car sharing e car pooling (il 3% ne è all’oscuro), mentre nella pratica il 64% li ha utilizzati, il 36% mai.

 

Quali motivazioni

Perché sì? Ecco le risposte (multiple). Car sharing: sostituzione macchina di proprietà 47% (+12% sulla precedente rilevazione), sostituzione servizi di trasporto pubblico locale 33% (+7%), accesso alle Ztl 29%, integrazione trasporto pubblico 25%, facilità di parcheggio 24%. Car pooling: motivi economici 64% (+14%), socialità (viaggiare in compagnia) 23%, capillarità del servizio 16%.

 

Quali disservizi

Sul fronte del car sharing, il 71% non ha mai subito alcun disservizio, mentre ha risposto sì il 29% (+10% sulla rilevazione precedente). Riguardo al car pooling, per l’89% tutto bene, per l’11% qualche disservizio l’ha subito (+4%).

Quali disservizi? Questa la classifica (risposte multiple): 52% difficoltà a reperire i mezzi, 22% scarsa copertura territoriale, 20% veicolo in condizioni non adatte a viaggiare, 20% prenotazioni disattese, 18% fatturazione errata o problemi nel pagamento.

 

Fonte: Cittadinanzattiva.it

Photo credit

 

 

 

scroll to top