Eni e Snam installano nuovi distributori di metano

metano, il lavaggista, lavaggisti

Il contratto siglato a inizio dicembre mira alla progettazione, realizzazione e manutenzione di 14 nuovi impianti di CNG in tutto il paese.

 

Eni e Snam hanno siglato lo scorso 4 dicembre il primo contratto applicativo sullo sviluppo di stazioni di rifornimento a metano in Italia, nel più ampio scenario delle iniziative per la promozione della mobilità sostenibile.

 

Il contratto, di durata ventennale, mira alla progettazione, realizzazione e manutenzione da parte di Snam di un primo lotto di 14 nuovi impianti di CNG (gas naturale compresso) all’interno della rete nazionale di distributori Eni, favorendo l’offerta di carburanti alternativi a basse emissioni come il metano.

A fronte delle attività svolte, Snam riceverà da Eni un corrispettivo stimato in un range tra i 20 e i 40 milioni di euro.

 

Il contratto dà seguito all’accordo quadro firmato lo scorso maggio e rientra tra le iniziative di Snam rivolte agli operatori del settore per promuovere la mobilità sostenibile, con un investimento di 150 milioni per realizzare fino a 300 nuovi distributori di metano nelle diverse regioni del paese, migliorando anche la qualità del servizio di erogazione agli utenti.

 

Fonte/photo credit: eni.com

 

 

 

scroll to top