Energia solare per l’autolavaggio

solare lavaggista

L’esperienza di un lavaggista americano con le nuove tecnologie

L’autolavaggio self service Glacier Clean di Columbia Falls (USA) si affida al sole per riscaldare parte dell’acqua calda necessaria per il funzionamento dell’impianto. Il proprietario, Shayne Hatfield, ha installato un sistema fotovoltaico sul lato sud del tetto dell’edificio con l’obiettivo di risparmiare sulla bolletta del gas da riscaldamento.

I raggi del sole che colpiscono il sistema surriscaldano l’acqua che circola all’interno di tubi di rame. L’acqua viene quindi pompata in un serbatoio dotato di un ulteriore elemento riscaldante a spirale che completa l’opera. L’acqua calda così prodotta viene utilizzata non solo per lavare le automobili, ma anche per riscaldare le piazzole durante il periodo invernale in modo tale da evitare la formazione di ghiaccio.

L’intero sistema ha richiesto un investimento di 80.000 dollari, coperto per il 25% da un finanziamento dell’US Department of Agriculture. In base ai calcoli effettuati da Hatfield, l’investimento dovrebbe ammortizzarsi nel giro di sette anni grazie al taglio di un terzo degli attuali consumi di gas per il riscaldamento.

Oltre ai moduli fotovoltaici, per risparmiare ancora più energia, il lavaggista ha installato anche un impianto di illuminazione a Led. Sempre secondo i calcoli di Hatfield, il passaggio alla tecnologia Led dovrebbe comportare una riduzione dei consumi di elettricità del 63% per l’autolavaggio e si ripagherà in meno di 5 anni a fronte di un prezzo medio per singolo lavaggio compreso tra i 3 e i 4 dollari.

Fonte: ICA
photo credit

scroll to top