Bollette sospese nelle zone terremotate

bollette

La decisione d’urgenza dell’Autorità interessa le bollette di acqua, luce e gas in tutte le zone colpite dagli ultimi eventi sismici

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi) ha approvato un provvedimento d’urgenza che sospende il pagamento delle bollette di luce, gas e acqua, emesse o da emettere a partire dal 26 ottobre, anche per la popolazione delle zone colpite dalle nuove scosse di terremoto nell’Italia centrale.

La decisione assunta con la delibera 619/2016/R/com, segue i provvedimenti simili adottati per i terremoti dello scorso 24 agosto e del 26 ottobre, riguarda le forniture di energia elettrica, gas (compresi il Gpl e altri gas distribuiti per mezzo di condotte) e le fatture del servizio idrico integrato per le utenze situate nei comuni danneggiati dagli eventi sismici, come individuati dai successivi provvedimenti delle autorità competenti.

bolletteLa misura infatti applicata dalla data di emanazione da parte delle autorità competenti dei provvedimenti per l’identificazione dei Comuni danneggiati dagli ultimi eventi sismici e successivi, e dei provvedimenti straordinari che verranno adottati dal Governo a sostegno delle popolazioni interessate dagli eventi sismici.
La sospensione dei pagamenti delle bollette è un primo provvedimento di urgenza, in vista di nuovi interventi dell’Autorità che potranno prevedere anche l’eventuale introduzione di agevolazioni di natura tariffaria e di futura rateizzazione, come già avvenuto per il terremoto in Abruzzo del 2009 e per quello in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto del 2012.

Fonte: Aeegsi
Photo credit impronta.org

scroll to top