Al via la fattura elettronica: mini guida per non sbagliare

fattura elettronica, lavaggisti, il lavaggista

L’anno si apre con una piccola rivoluzione per aziende, professionisti e artigiani: la fattura elettronica. Alcuni consigli per muovere i primi passi in questo nuovo mondo.

 

Da martedì 1 gennaio è ufficialmente partita in Italia la fatturazione elettronica, che riguarda aziende, professionisti e artigiani in tutto il Paese. La novità che ha fatto versare fiumi di inchiostro è ora attiva: dal punto di vista tecnico, per tutti coloro che dovranno emettere fattura, cambia praticamente tutto.

 

Il formato
Prima di tutto il formato: l’unico consentito sarà l’Xml, che permetterà all’Agenzia delle Entrate di verificare l’autenticità e la correttezza formale della fattura elettronica emessa. I controlli sulla regolarità dovrebbero essere massivi: si stima che verranno controllate 3 miliardi di fatture nel corso del 2019.
Per creare la fattura in Xml, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione gratuitamente tre strumenti nella sezione “Fatturazione elettronica” del suo sito: si tratta di una procedura via web, di una app gratuita (“FatturAE”, disponibile per Android e iOs) o di un software che si installa sul computer. Altrimenti, ci sono altri strumenti privati a pagamento meno ‘spartani’ di quelli messi a disposizione dal Fisco.

 

 

Spedizione
La fattura elettronica non deve essere spedita direttamente al destinatario, ma va invece inviata al Sistema d’Intermediazione (Sdi). Sarà questo sistema, che fa capo all’Agenzia delle Entrate, a recapitare poi la fattura al destinatario, lavorando come un postino. Chi emette la fattura dovrà disporre di un codice alfanumerico di 7 cifre che identifica il canale di trasmissione scelto dal destinatario per ricevere la fattura, sempre che il destinatario desideri riceverla nella propria area personale sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Diversamente, se vuole riceverla via Pec, il codice sarà 0000000 (sette zeri).
Può capitare, inoltre, che una fattura sia ‘scartata’ dal sistema Sdi. Se viene considerata irregolare, il sistema la ‘scarta’ e c’è tempo 5 giorni per rispedire la fattura corretta.

 

Image credit: Agenzia delle Entrate

 

 

scroll to top